La continuità rappresenta un obiettivo importante di elaborazione concettuale e di aggregazione professionale fra gli operatori scolastici ed i bambini dei diversi livelli di scuola.
È indispensabile strutturare percorsi formativi che garantiscano il diritto dell’alunno/a ad un inter educativo organico e completo, mirando ad una migliore qualità di scuola, più attenta alla globalità delle sue esigenze e all’organicità del suo percorso.
Il diritto allo studio si configura così come “diritto di percorso”, cioè diritto di completare, secondo le comuni tappe dell’età evolutiva, l’intero percorso di studi.

Il proposito di un progetto formativo continuo deve mirare a prevenire le difficoltà che l’alunno/a potrebbe incontrare nei passaggi tra diversi ordini di scuola e che talvolta stanno alla base dell’insuccesso e dell’abbandono scolastico.
È opportuno quindi che i diversi gradi di scuola individuino indicatori comuni capaci di co-costruire un chiaro punto di riferimento per l’alunno/a; progettino, nel corso dell’anno scolastico, incontri fra i diversi ordini di scuola per favorire momenti di scambio e conoscenza fra gli alunni e che organizzino incontri fra i docenti per creare un raccordo solido e significativo.

Destinatari del Progetto sono i bambini grandi della scuola dell’infanzia che faranno il passaggio nella scuola primaria.